Archive for the ‘libri e dintorni’ Category

Mauro Gasparini non c’è più

Wednesday, February 15th, 2012

Oggi mi è arrivata una brutta notizia: Mauro Gasparini non c’è più. Chi lo conosceva può trovare qui l’annuncio dato due giorni fa dall’editore di Dammi un bacio.

Un giocattolo per figli con la testa tra le nuvole

Friday, November 4th, 2011

“Mosso dal dubbio moderno e fuorviante che le fiabe siano racconti per bambini, mi sono avvicinato a questa raccolta con l’esitazione di un adulto che prende in mano un giocattolo per figli con la testa tra le nuvole”.

Matteo Telara recensisce C’era (quasi) una volta, il libro di quasi fiabe del terzo millennio, mostrando perché le fiabe non sono (solo) racconti per bambini.

Sul realismo

Friday, September 30th, 2011

Un testo realista nel senso di perfettamente simile alla realtà, nei suoi aspetti minimali, è un’evidente assurdità.

Novello Auerbach, falso idillio riflette sul realismo in letteratura. Da leggere.

(il lettore volenteroso e incline a perdere tempo può trovare temi simili in un vecchio racconto vergato da me qui)

Per il centro studi Giorgio Manganelli

Tuesday, September 6th, 2011

Lettera aperta di Armando Adolgiso a Stefano Boeri, assessore alla cultura del comune di Milano, per sollecitare un sostegno anche economico al benemerito Centro Studi Giorgio Manganelli. Spero che non resti lettera morta.

Odifreddi e altri polpettoni

Tuesday, August 30th, 2011

Avviso: questo post, oltre a essere un pippone, è infarcito di frasi di Piergiorgio Odifreddi. Poi non dite che non lo sapevate.

Dopo due settimane di serena disconnessione, apprendo dall’Estinto che Piergiorgio Odifreddi, probabilmente a causa della canicola agostana, ha deciso di avventurarsi in campo letterario, introducendosi in un dibattito in corso fra Umberto Eco ed Eugenio Scalfari [1].

Un dibattito che, considerata l’età e la carriera dei due intellettuali, suggerirebbe a chiunque di tenersi prudentemente alla larga, allo stesso modo in cui ogni persona assennata che mai abbia giocato in una squadra di serie A si terrebbe alla larga da una discussione calcistica in corso, che so, fra Gigi Riva e Sandro Mazzola. Ma Odifreddi no, lui non è abbastanza prudente e si lancia a corpo morto, diciamo così, nella mischia. Vediamo come:

Se mi permetto, da scienziato, di intromettermi nel dibattito come “terzo fra cotanto senno”, è solo perché mi sembra che sia Eco che Scalfari, da umanisti, tendano a sottovalutare l’effetto deleterio che dosi massicce di finzioni finiscono per avere sul principio di realtà.

Ora, non so voi, ma io mi aspetto che quando qualcuno si inserisce in una discussione lo faccia partendo da qualche enunciato degli interlocutori, per sostenerlo, modificarlo, integrarlo o magari demolirlo con argomenti appropriati. Odifreddi no. Lui parte dal presupposto che gli interlocutori abbiano peccato contro qualcosa, nel caso particolare contro la corretta valutazione del rapporto fra dosaggio finzionale e principio di realtà. Lo fa “da scienziato”, dice lui, ma non c’è traccia di metodo scientifico nel suo modo di procedere.

Proviamo comunque a prendere per buona l’obiezione e a vedere come si esplicita secondo Odifreddi questo effetto deleterio delle finzioni sul principio di realtà:

Proviamo a ripercorrere brevemente le tappe della formazione della psicosi universale, creata dal pervasivo e invasivo mercato dell’illusione. Non appena i bambini acquistano l’uso della parola, e incominciano a fare domande su come sono nati, vengono loro fornite risposte idiote che vanno dai cavoli alle cicogne.
Quand’essi approdano all’asilo, incominciano a ricevere i rudimenti di una visione magica del mondo popolata di angeli e demoni, miracoli e castighi divini, roveti ardenti e nubi parlanti, ciechi guariti e morti risorti, che continuerà a essere contrabbandata nell’ora di religione di tutte le scuole.

Non è dato sapere cosa sia la psicosi universale di cui parla Odifreddi, il quale forse, essendosi dichiarato genericamente “scienziato”, crede di poter usare termini medici senza definirli. Dice però che questa psicosi è creata dal “pervasivo e invasivo mercato dell’illusione”, dunque il lettore potrebbe ipotizzare che abbia qualcosa a che vedere con i meccanismi dell’industria culturale, cioè con il campo dell’economia o della sociologia, ma resta spiazzato quando l’autore tira in ballo cavoli e cicogne — che rimandano all’agraria e alla zoologia — per poi passare alla pedagogia infantile e alla religione. A parte questo gran polpettone disciplinare, non si capisce cosa c’entri tutto questo con la finzione letteraria, cioè con uno degli argomenti di cui l’articolo, stante il titolo, avrebbe dovuto trattare. Ma non disperiamo:

In quelle stesse scuole, verranno anche sistematicamente impartiti insegnamenti letterari e filosofici dello stesso genere, dagli dèi omerici dell’Iliade e l’Odissea, alla schizofrenica voce del daimon socratico, ai regni dell’aldilà della Commedia dantesca, ai deliri idealisti di Hegel e Croce, al motto nietzschiano che “non ci sono fatti, solo interpretazioni”.
Parallelamente all’indottrinamento scolastico, il trinitario mercato letterario, cinematografico e televisivo sommerge il pubblico di storie irreali o magiche, dalle saghe del Signore degli Anelli e di Harry Potter a quelle delle Guerre Stellari o del Robert Langdon di Dan Brown. Per non parlare delle fiction televisive, sacre e profane, che intasano il piccolo schermo.

Pur continuando a ingrossare il polpettone con un pizzico di filosofia, un po’ di massmediologia e finanche uno zinzino di psichiatria, finalmente Odifreddi, superata la metà dell’articolo, infila nel mucchio qualche opera letteraria, dai poemi omerici alle più recenti saghe britanniche, ma lo fa, ahimè, senza mantenere nemmeno la parvenza di un aggancio agli articoli di Eco e Scalfari.

Eco si era limitato a mostrare come il confine tra verità e invenzione nelle opere letterarie sia spesso frainteso, portando l’esempio di un lettore ignaro della fondamentale distinzione fra opinioni dei personaggi e opinioni dell’autore. Scalfari aveva aggiunto che, ferma restando la distinzione fra realtà e finzione, molte opere letterarie in passato hanno avuto effetti diretti sulla realtà, contribuendo a definire epoche e passaggi storici. Eco aveva a sua volta replicato che sì, anche questo è vero, ma che restando «alla dimensione “aletica” (che cioè ha a che fare con quella nozione di verità condivisa dai logici, dagli scienziati o dai giudici)» l’incapacità di distinguere vero da verosimile, realtà da finzione, può essere socialmente pericolosa.

E che ti fa Odifreddi? Se la prende con gli dei omerici e con l’aldilà dantesco, come se prendesse per buona, e quindi pericolosa, l’invenzione letteraria, confermando per colmo di ironia l’ipotesi di Eco, cioè che esistono lettori «talmente preoccupati a prendere sul serio la storia che non si chiedono se sia raccontata bene o male; non cercano di trarne insegnamenti; non si identificano affatto nei personaggi. Semplicemente manifestano quello che definirei un deficit finzionale, sono incapaci di “sospendere la credulità” [2].

Odifreddi è talmente convinto che quel che si legge nei romanzi è vero da ipotizzare un’iniezione diretta della finzione letteraria nella realtà, arrivando a immaginare «una società che non vive della e nella realtà, appunto, ma è immersa nella finzione generalizzata». «C’è forse da stupirsi» si chiede retoricamente «se, ormai assuefatta alle storie dei cantastorie, quella società finisca poi col diventare facile preda dei contastorie, politici o religiosi che siano?». Per rispondere positivamente a questa domanda bisogna presupporre un nesso causa-effetto fra finzione letteraria e mentalità popolare, come se davvero l’Iliade potesse indirizzare automaticamente i lettori al paganesimo o la Divina Commedia al cristianesimo. Un nesso siffatto se l’era inventato (appunto) Cervantes nel Don Chisciotte: la classica “roba da matti”, insomma.

Tralascio la conclusione dell’articolo di Odifreddi, che è poco più che una pezza, limitandomi a notare che in un articolo che si intitola Menzogne letterarie e verità scientifiche, le prime sono state trattate di striscio e a sproposito, mentre delle seconde non c’è la minima traccia. Chiudo a mia volta brutalmente, ma per distinguermi dallo scienziato non lo farò assertivamente ma interrogativamente: l’uomo è andato sulla luna perché gli scienziati della Nasa hanno congegnato un modo efficace per andarci o perché Jules Verne cent’anni prima si era inventato una balla?

——
[1] La replica di Eco si può leggere qui.
[2] Così nel testo, ma poco prima Eco parlava propriamente di sospensione dell’incredulità, e così credo che vada letto anche in questo passo.

C’era (quasi) una volta

Wednesday, August 3rd, 2011

C'era (quasi) una volta, Senzapatria editore.

Dalla quarta di copertina: “I fanciulli trovano il tutto nel nulla, gli uomini il nulla nel tutto”. Così il giovane Leopardi sintetizzava nelle pagine dello Zibaldone la sua nostalgia per l’infanzia, età aurea vivificata da un’immaginazione senza freni. Gli autori di questa raccolta di fiabe hanno voluto, almeno in questa occasione, tornare a guardare il mondo con gli occhi incantati del fanciullo che un tempo sono stati.

***

O transeunte lettore, sappi che in questo libro di fiabe ci sono ventisei fiabe, di cui una scritta da me. Non era mai successo che un mio racconto venisse pubblicato per la prima volta su carta, né che su questo blog non comparisse un mio racconto comparso altrove, né tantomeno avevo mai scritto una fiaba prima d’ora.

Con tutte queste novità vuoi non comprarlo, il libro? Compralo, compralo, tanto più che, comprandolo, darai una mano a Nutriaid, un’associazione che da anni lotta contro la malnutrizione infantile in diversi paesi africani.

Un sogno comune da realizzare

Tuesday, August 2nd, 2011

di Lietta Manganelli

Da tempo stavo pensando a un raduno di manganelliani. Un fine settimana durante il quale studiosi, studenti, amanti e appassionati di Manganelli a qualsiasi titolo e livello, potessero incontrarsi, conoscersi, scambiarsi pareri e conoscenze, visionare trasmissioni televisive ormai storiche, ascoltare trasmissioni radiofoniche spesso dimenticate, insomma un incontro durante il quale ognuno possa raccontare il “suo” Manganelli.

Molte sono state le risposte positive che mi hanno spinto a cercare di realizzare concretamente questo progetto.

Dalla fine di Agosto un esperto del settore si occuperà di reperire una location a costo zero. Ora però è necessario conoscere il numero delle adesioni, per poter iniziare a programmare il tutto.
Se vi interessa, se volete partecipare, inviate una e-mail all’indirizzo manganelli@delam.it. Sarete contattati personalmente.

Grazie.

Lietta Manganelli

Intervista a Lietta Manganelli

Tuesday, July 12th, 2011

Lo scrittore Angelo Ricci intervista Lietta Manganelli.

“La letteratura occupava, nella vita di Manganelli, una posizione di primissimo piano. Di difesa verso un mondo, quello delle emozioni, che lo turbava profondamente. Avrebbe potuto vivere senza rapporti umani, mai senza letteratura”.

Leggi tutta l’intervista.

Dalla rete all’ebook

Thursday, June 30th, 2011

Vite da Precari, CastelloVolante 2011, tratto da zop.splinder.comIl 22 dicembre 2009 annunciavo su questi lidi l’ultima (allora) iniziativa ludico-letteraria di zop, al secolo Antonio Zoppetti, cioè “il primo gioCOCOnCOrso in rete: VITE DA PRECARI tra creatività e follia”. Oggi ho il piacere di annunciare che i testi raccolti all’epoca sono diventati un libro, più precisamente un ebook, dotato della non disprezzabile caratteristica di essere gratuito.

Il libro pubblicato dall’editore CastelloVolante uscirà domani, venerdì 1 luglio, come primo titolo della collana I fiori del Web, che si propone di selezionare e diffondere le migliori scritture internettiane.

Tutti i dettagli dell’iniziativa, compresi i prossimi titoli della collana, si trovano naturalmente da zop.

O io sono stupido, o c’è un malinteso

Tuesday, June 14th, 2011

Autografo 45, Interlinea 2011 Giovedì 16 giugno alle ore 17,30 nella Casa del Manzoni in via Morone 1 a Milano, si festeggia la ripresa delle pubblicazioni di «AUTOGRAFO», la rivista fondata da Maria Corti, in occasione dell’uscita del numero 45 dedicato a Giorgio Manganelli.

Intervengono i direttori della rivista Maria Antonietta Grignani e Angelo Stella con Mario Barenghi, dell’Università degli Studi Milano-Bicocca, e Gian Luigi Beccaria, dell’Università di Torino e presidente del Fondo Manoscritti dell’Università di Pavia.

Ingresso libero fino a esaurimento posti 02 86460403

***

Torna a uscire la celebre rivista fondata da Maria Corti con un volume dedicato a Giorgio Manganelli a vent’anni dalla scomparsa avvenuta a Roma nel 1990: saggi di Salvatore Silvano Nigro, Clelia Martignoni, Florian Mussgnug, Viola Papetti, Andrea Cortellessa, Maria Rosa Bricchi, Filippo Milani e Sara Lonati, con ricordi di Maria Corti, Lietta Manganelli, Lea Vergine e con sorprendenti appunti critici inediti, (da Cicerone a Fedro a Pratolini e Kafka: «Dopo aver letto America mi chiedo come si possa “interpretare” un libro di cui manca la conclusione… O io sono stupido, o c’è un malinteso») e un articolo disperso su Poe del 1948: «Per quanto tragica e folle, la terra di Poe è ancora affollata di angeli».

Abbonamento annuale alla rivista: euro 30
www.interlinea.com/autografo
0321 612571

Smartmanga

Monday, May 23rd, 2011

Il sito del centro studi Giorgio Manganelli da oggi è disponibile per telefoni cellulari, tablet e PC con schermo piccolo a questo indirizzo: http://manganelli.altervista.org/mobile. Con Android va che è un piacere, e veder scorrere le copertine dei mangagnifici libri sullo schermino dello smartphone è una bella esperienza.

Dentro il cartone

Wednesday, May 4th, 2011

Nicoletta Calvagna, Dentro il cartone. Tratto da www.nicolettacalvagna.it

Venerdì 6 maggio alle ore 21 presso la libreria Modo Infoshop di Bologna (Via Mascarella, 24/b), inaugurazione della mostra “Dentro il cartone” di Nicoletta Calvagna. Ugo Cornia legge pagine di Giorgio Manganelli. (via Gianfranco Mammi).

Schegge di Liberazione

Sunday, April 24th, 2011

Makkox, copertina di Schegge di Liberazione 2011, tratto da scheggediliberazione.files.wordpress.com/2011/04/schegge-di-liberazione.jpg

Dice Barabba:

Schegge di Liberazione, l’ebook, si scarica gratuitamente da questa pagina (in pdf, epub e mobi). Il libro di carta, invece, esce domani, e lo leggiamo dal vivo all’ex Campo di concentramento di Fossoli.

La copertina di Schegge di Liberazione è di Marco Dambrosio, in arte Makkox.

Buon 25 aprile a tutti.

Restituiscimi il cappotto

Friday, April 8th, 2011

Adrián Bravi, Restituiscimi il cappotto, Sugaman 2011La casa editrice Sugaman, fondata da Paolo Nori e Alessandro Bonino, pubblica libri elettronici in formato epub protetti con social DRM, cioè liberi da follie protezionistiche proprietarie. Sono libri che si possono leggere su diversi supporti (lettori di ebook, PC, tablet e gingilli a venire), si possono prestare agli amici, si possono trattare, insomma, come i buoni vecchi libri di una volta, quelli di carta e inchiostro, se si rinuncia a tenere il segno facendo le orecchie alle pagine e a usare i tomi più spessi e rilegati come fermacarte.

Il primo libro pubblicato da Sugaman è La matematica è scolpita nel granito, di Paolo Nori, che è un diario della partecipazione dell’autore al Cabudanne de sos poetas di Oristano dal 2006 a oggi.

Il secondo libro pubblicato da Sugaman è Restituiscimi il cappotto, di Adrián Bravi, già uscito nel 2004 nella collana LDM (libri di merda) diretta da Paolo Nori e Marco Raffaini per l’editore Fernandel. L’ho letto allora e mi è piaciuto molto. In estrema sintesi, Adrián Bravi ha un’inclinazione naturale al surrealismo e all’ironia, due qualità piuttosto rare in questi tempi di scritture pesanti e variamente impegnate, tanto impegnate da non trovare il tempo necessario per divertire il lettore.

È un libro bello da leggere e che inoltre, a ulteriore lode dell’editore, costa poco, come dovrebbe essere per tutti i libri liberi dal peso della carta e dei costi di distribuzione.

***

Il libro si compra qui.
L’immagine che apre il post è la copertina disegnata da Timofej Kostin.
Qui un ricordo di Paolo Nori sulla prima pubblicazione del libro.
Di seguito un piccolo assaggio della scrittura di Bravi.

Non ero mai riuscito a comprendere il rapporto fra le strade e i loro nomi. Da ragazzino percorrevo il paese nel tentativo di far coincidere i vicoli o le piazze con i nomi che gli avevano dato. Cercavo d’immaginare le ragioni che avevano indotto ad attribuire quel nome a quella particolare strada. Non potevo pensare che le parole fossero oggetti inanimati pronte a essere appiccicate a una cosa e tanto meno se quella cosa era una strada o una piazza. Per me, un incrocio stradale era anche un incrocio di nomi, e forse di vite lontane nel tempo l’una dall’altra, ma non riuscivo a capire il senso di quell’incontro, e ogni tentativo era inutile. Chissà se tu da ragazzo eri approdato a migliori risultati. Oggi è un altro giorno. Continuo a scrivere, a buttare giù delle parole, e ogni volta, quando rileggo quello che ho scritto il giorno prima, mi chiedo se avrei dovuto dirlo in un altro modo o non avrei dovuto dirlo affatto, visto che non ricevo nessuna risposta. Il tempo banalizza ogni cosa e le parole, alla fine, si condannano da sole alla nullità. È la loro natura. E mi chiedo: io, che da un mese sono barricato in casa, per chi diamine scrivo? Per me? Per te? Scrivo forse ciò che un giorno vorrei dimenticare? Il mondo dice tutto ma non risponde mai.

Interviste impossibili

Friday, April 8th, 2011

Il Gruppo Archeologico Bolognese in collaborazione con il Museo Civico Archeologico di Bologna presenta

LE INTERVISTE IMPOSSIBILI

Giorgio Manganelli intervista Tutankhamon
di Giorgio Manganelli

Tutankhamon è interpretato da Marco Mengoli
Giorgio Manganelli è interpretato da Davide Giovannini

Introduce l’intervista Barbara Faenza

Martedì 12 Aprile 2011 ore 21
Museo Civico Archeologico
Sala del Risorgimento
Via de’ Musei 8 Bologna
Ingresso libero fino ad esaurimento posti