Il tema è un luogo, la narrazione un viaggio

ALBUM Europa

 

[Ricevo e volentieri rilancio la notizia di questo progetto di scrittura collettiva]

ALBUM Europa
Il tema è un luogo, la narrazione un viaggio

Il Centro Studi Opìfice, in collaborazione con EggS, Lankelot.eu e Anonima Scrittori, presenta il progetto di scrittura collettiva ALBUM Europa: attraverso il vecchio continente un intreccio di strade e genti, andate e ritorni, viaggi e miraggi.

Da un’idea del Centro Studi Opìfice, in collaborazione con EggS, Lankelot.eu e Anonima Scrittori, nasce ALBUM EUROPA, un progetto di scrittura collettiva che attraversa il vecchio continente e che da viaggio diventa racconto.

Aspettare i binari fremere, i motori accendersi, il muso dell’aereo alzarsi e per un momento sentirsi schiacciare sulla terra per poi volare. La faccia oltre il finestrino, la bocca aperta e gli occhi spalancati per far entrare tutto per la prima volta, odori suoni, sapori, lingue, paesaggi che scorrono impastati nel vento.

E ritornare.

Il muso dell’aereo verso terra, dall’alto la prospettiva mai vista della tua città, scendere dal treno, i binari ancora caldi, e non notare nulla di diverso tranne un vago sentore che qualcosa sia cambiato. Sarà qualcosa che ancora non riesci a vedere, ma che una volta o l’altra vorrai raccontare.

Un foglio bianco, la penna, una partenza e un arrivo.
Un album di immagini che prende forma, diventano storie che si intrecciano.
Un album di racconti, ALBUM Europa.

INDICAZIONI TECNICHE
Il progetto si divide in due fasi:

1) Le tratte
Si sceglie una tratta all’interno dell’Europa geografica e un mezzo per percorrere la tratta. Esempio: Roma-Madrid (treno), Parigi-Mosca (macchina), Belgrado-Oslo (aereo), Vienna-Amsterdam (motocicletta). Si deve produrre un testo lungo, breve o brevissimo che narri la tratta scelta oppure i sapori, gli odori, le genti incontrate.
C’è un luogo di partenza e un luogo di arrivo. C’è un mezzo che ci permette di arrivare a destinazione. C’è il racconto che sarà un’immagine, la nostra immagine.
Scadenza invio materiale 31 Gennaio 2007 a racconti@opifice.it

2) La trama
Dopo aver raccolto e letto i brani pervenuti entro il 31 Gennaio 2007, la seconda fase del progetto prevede la stesura dei brani di raccordo che uniranno le narrazioni della prima fase. Si arriverà ad unire e snodare tutte le narrazioni così che emerga una sola storia: ALBUM Europa.

Per informazioni: www.opifice.itredazione@opifice.it

3 Responses to “Il tema è un luogo, la narrazione un viaggio”

  1. zop says:

    ottimo e prezioso!!!!

  2. Decimo says:

    Bella storia, complimenti!

    DC

  3. Laura Tussi says:

    La ricomposizione temporale della narrazione.

    di LAURA TUSSI

    Le potenzialit del racconto autobiografico come dimensione pratica e temporale nellesperienza di armonizzazione e coerentizzazione dei tempi di vita delle storie esistenziali, descrive e interiorizza connessioni logiche e causali tra episodi, eventi e trame narrative, nella costruzione di intrecci esistenziali con trasformazioni ed alternanze individuabili nel soggetto narrante, nel ruolo centrale della correlazione tra intreccio e personaggio, che definisce lidentit narrativa del soggetto espositore, raccontata e lidentit della storia che determina lidentit del personaggio. La correlazione fra intreccio e personaggio permette lindividuazione del momento apicale di una dialettica interna al ruolo del narratore costituendo unidentit autobiografica dove il tempo della narrazione coincide con quello della ricomposizione. Lautobiografo trae la personale caratterizzazione specifica dallunit della sua vita secondo una linea di concordanza come totalit temporale che durante la linea di discordanza minacciata dalleffetto perturbatore e dirompente degli eventi imprevisti di cui costellata. La sintesi discordante e concordante obbedisce ad una necessit retroattiva della contingenza dellevento su cui si connette e si modula lidentit del narratore. La rappresentazione della realt del racconto autobiografico in forma esplicativa e narrativa presenta aspetti semantici e permette di accostarsi al soggetto della storia di vita e alla nozione di identit narrativa, nella possibilit di comprensione e decodificabilit degli eventi nella duplice valenza temporale e semantica, garantendo una continuit alla sequenza temporale tramite un processo di ristrutturazione semantica. La duplice valenza, temporale e semantica rielabora nel corso della narrazione il rapporto tra i molteplici tempi attraversati dal soggetto. Latto del narrare e il racconto della molteplicit temporale di eventi ed episodi in tempi diversi, ricerca un ordine cronologico, permettendo di attribuire senso e significato ai vissuti, in modalit soggettive e individuali. Lincontro tra tempi oggettivi e soggettivi, attraverso un costante procedimento di risignificazione, avanza la narrazione su un duplice registro temporale e semantico nel gioco dialettico fra differenti tempi riconosciuti nel racconto autobiografico. La narrazione della propria vicenda esistenziale non solo tentativo di ricostruire il personale disegno autobiografico, tramite un ossessivo recupero di ricordi e frammenti, in nome di unesaustivit del racconto, ma anche considerando la qualit del rapporto che il soggetto intrattiene con il proprio tempo. Il racconto della propria storia di vita, lontano da logiche efficientistiche, viene proposto come momento qualitativamente unico e singolare di riedizione di significato nei momenti apicali dellesistenza, relativamente ai propri ritmi metabletici di cambiamento e di evoluzione nel riconoscere appartenenze, tramite lindividuazione di sviluppi qualitativi verso cui progettarsi. Il tempo della narrazione risulta dunque momento della ricomposizione, non dei frammenti, per raggiungere la completezza, ma riabilitare il soggetto intrinsecamente storico, perch si ritrovi in un tempo originario, in svolte e ritmi pi significativi a livello esistenziale nella ricerca di unit e appartenenza. La narrazione tramite lattuazione della reversibilit semantica della personale storia di vita nella pratica di riappropriazione di un disegno autobiografico di nessi, legami e intuizioni oltre il flusso temporale lineare, si presenta in connessione causale.

    LAURA TUSSI

Leave a Reply